ELEZIONI: IL 20 ULTIMO STIPENDIO PER I ''TROMBATI''
ELEZIONI: IL 20 ULTIMO STIPENDIO PER I ''TROMBATI''

Roma, 30 mar. - (Adnkronos) - I parlamentari ''trombati'' ritireranno il loro ultimo ''stipendio onorevole'' dal 20 al 27 aprile. Infatti il loro mandato scade il 15 aprile giorno in cui si insedia il nuovo Parlamento. Per i nuovi eletti invece, il primo stipendio arrivera' tra il 20 e il 27 maggio.

Intanto per l'interruzione anticipata della legislatura, ogni parlamentare perdera' circa 37 milioni di liquidazione. A conti fatti, gli onorevoli che non sono stati rieletti percepiranno come 'assegno di fine mandato', per i due anni di 'servizio' prestato, circa 24 milioni. Il completamento della legislatura avrebbe invece fatto maturare circa 61 milioni. I ''rappresentanti del popolo'' hanno infatti diritto ad un assegno equivalente all'80 p.c. dell'indennita' parlamentare (che e' di 8 milioni 460 mila 894 lire) per ogni anno di servizio. La cessazione anticipata del mandato, in caso di non rielezione, ridurra' quindi a due quinti l'importo che sarebbe spettato in caso di regolare compimento. Deputati e senatori, al lordo dell'indennita' parlamentare, percepiscono ogni mese 15 milioni 250 mila lire, su cui pero' grava una ritenuta mensile del 6,7 p.c., pari a 1 milione e 21 mila lire. Quindi, l'assegno di fine mandato, al netto ammonta a 12 milioni e 200 mila lire per ogni anno di servizio. Questa cifra moltiplicata per due anni, fa 24 milioni 400 mila lire.

Gli onorevoli, al compimento del sessantesimo anno, riceveranno anche la pensione, attraverso un 'assegno vitalizio' che va, a seconda dell'anzianita' maturata, da 2 a 6 milioni circa al mese. Servono pero' cinque anni di contribuzione, ma chi non li ha raggiunti puo' comunque provvedere con versamenti volontari. Il discorso, sia per la liquidazione che per la pensione, naturalmente cambia in relazione all'anzianita' maturata.

(Dis/Gs/Adnkronos)