NUOVI ONOREVOLI: DUE SETTIMANE DI EUFORIA E ANGOSCIA
NUOVI ONOREVOLI: DUE SETTIMANE DI EUFORIA E ANGOSCIA
ACQUAVIVA, ''ANALFABETI E AUTODIDATTI''

Roma, 30 mar. (Adnkronos) - I nuovi onorevoli iniziano la loro particolarissima 'luna di miele': 15 giorni - in attesa della riapertura delle Camere - da vivere con euforia, coltivando sogni di gloria e deliri di onnipotenza. ''Ma il 'viaggio di nozze' durera' soltanto due settimane - avverte il sociologo Sabino Acquaviva - Appena comincera' il 'matrimonio' con il Palazzo, cominceranno a volare i piatti. Finita l'euforia subentreranno l'angoscia, la paura di non farcela, la scoperta di essere 'uno fra troppi', la difficolta' di mantenere le facili promesse matrimoniali con l'elettorato''.

Secondo Acquaviva, i nuovi eletti che vengono dalla societa' civile, senza avere alle spalle esperienze amministrative e vite passate in sezioni e federazioni di partito, in questi giorni che li separano dalla riapertura del Parlamento, riveleranno un atteggiamento schizoide: ''Si sentiranno onnipotenti, esseri superiori alla gente comune, depositari di una nobile missione, autentici salvatori della Patria. Ma, al tempo stesso, - avverte il sociologo - cadranno nell'angoscia del ''Oddio, come faro'?'', nel dubbio di aver fatto il passo piu' lungo della gamba, di aver accettato di disputare una partita senza conoscere bene le regole del gioco, come un trapezista che si esibisce senza rete''.

E' il medesimo atteggiamento che colpisce lo scolaro al primo giorno di scuola o lo studente 'matricola' universitaria: ''C'e' il gusto di una nuova avventura, attesa e finalmente arrivata. Ma anche il trauma del distacco dalle certezze acquisite, dalla famiglia come dalla vecchia classe con i compagni e i professori''. Avranno almeno una buona pagella? ''L'incognita e' grande: per il momento si dividono in analfabeti e autodidatti. Pero' - conclude Acquaviva - rispetto ai 'secchioni' di Tangentopoli, hanno piu' voglia di studiare e sono meno disponibili a copiare o a passare il compito all'asino della classe''.

(Bon/Bb/Adnkronos)