RAI: LUX SU ''ABRAMO'' - COSTATO IL DOPPIO DEL PREVENTIVO
RAI: LUX SU ''ABRAMO'' - COSTATO IL DOPPIO DEL PREVENTIVO
(RIF. 166)

Roma 30 mar (Adnkronos) - Il contratto stipulato con la Lux per l'episodio di ''Abramo'' nel serial ''La bibbia'' e' stato per la Rai ''un ottimo affare''. Dati alla mano, la societa' produttrice replica cosi' ai rilievi mossi sul contratto all'interno della relazione della Corte dei conti sull'ente radiotelevisivo per gli esercizi '91 e '92. Secondo quanto precisa la Lux, infatti, i due episodi di ''Abramo'' trasmessi da Raiuno sono costati esattamente il doppio di quanto preventivato inizialmente, e cioe' 18 miliardi invece di 9, per una serie di scelte artistiche e relative al cast fatte successivamente. Tuttavia la societa' produttrice, di cui e' presidente Ettore Bernabei, non ha chiesto alla Rai una lira in piu', trovando altri partner per coprire la spesa richiesta in network come la Beta Taurus, France 2 e l'americano Turner.

La Rai, in sostanza, ha cosi' acquisito allo stesso costo un prodotto di livello mondiale, con attori prestigiosi come Richard Harris, Barbara Hershey e Maximilian Schell: l'azienda ha pagato ogni puntata di ''Abramo'' due miliardi e 250 milioni, una cifra che - rileva la Lux - una tv nazionale puo spendere per la prima visione di un film da trasmettere una sola volta. E, ancora, Viale Mazzini ha acquisito ''in perpetuo'' i diritti per l'Italia, mentre spesso i produttori si accordano per un certo numero di anni nonche' il 20 p.c. dei diritti internazionali home video e cinematografici. Questi ultimi non sono ''privi di valore'', come li definisce la relazione, perche' in alcuni paesi il serial avra' una versione per il grande schermo. Da rilevare inoltre - conclude la Lux -che l'''Abramo'' televisivo ha riscosso un grande successo di ascolto, e cioe' circa dieci milioni di spettatori.

(Val/As/Adnkronos)