I FATTI DEL GIORNO. 3/A EDIZIONE (2): L'ESTERO
I FATTI DEL GIORNO. 3/A EDIZIONE (2): L'ESTERO

Il Cairo. Nuovi ostacoli sono emersi in questa ultima giornata del nuovo round di colloqui fra Israele e Olp sulla forza di polizia palestinese da dispiegare a Gaza e a Gerico, anche, ma non solamente, a causa della bomba esplosa nella citta' israeliana di Afula. Il fallimento delle trattative iniziate domenica e' stato riconosciuto il ministro degli Esteri egiziano, Amr Mussa, che ha sollecitato le due parti a riprendere al piu' presto i negoziati e a procedere in modo continuo e per piccoli passi. La parola passa ora al ministro degli Esteri israeliano, Shimon Peres e al capo dell'esecutivo dell'Olp, Namre Moussa, che si riuniranno la prossima settimana e ai quali e' affidato il compito di ricucire le trattative.

Tel Aviv. E' un palestinese di 19 anni, membro di Hamas - il movimento di resistenza islamica che si oppone ai negoziati con Israele - che ha commesso l'attentato suicida questa mattina ad Afula, nella bassa Galilea. Il giovane che guidava un'auto carica di esplosivo, si e' gettato contro un bus di linea. L'esplosione ha causato la morte di otto persone e 52 feriti. (segue)

(Dis/Gs/Adnkronos)