TESORO DI TROIA: OCCULTATO DA 50 ANNI - NEL 1995 IN MOSTRA (5)
TESORO DI TROIA: OCCULTATO DA 50 ANNI - NEL 1995 IN MOSTRA (5)

(AdnKronos)- Si puo' davvero applicare anche in questo caso la ''formula Argan''? Il famoso storico dell'arte sosteneva che non e' nemmeno proponibile la restituzione di opere che hanno prodotto altrove una civilta' estetica e letteraria (ad esempio La Gioconda al Louvre e i reperti greci al Britisch Museum). Opere insomma che hanno determinato in paesi diversi da quelli d'origine una nuova cultura con effetti durevoli in tutti gli altri paesi, compresi quelli dove le opere erano nate.

Ma quali effetti ha prodotto un tesoro variamente occultato e comunque 'invisibile' negli ultimi 50 anni? Le opere e i documenti 'raccolti' dai russi sotto il controllo del Kgb sono migliaia. I direttori dei musei moscoviti erano tenuti all'oscuro di tutto, sostiene il ministro Sidorov. Soltanto pochi storici dell'arte competenti e di fiducia avevano accesso ai 'fondi', presumibilmente gli stessi che avevano fornito a Stalin l'elenco delle opere da ''togliere ai capitalisti''.

Il Tesoro di Heinrich Schliemann si trova ora ''da qualche parte'' proprio nel Museo Pouchkine di Mosca. Molto probabilmente in un bunker a prova di esplosivo. Finalmente si sa di piu' anche sul suo traferimento da Berlino a Mosca. Il Tesoro fu sistemato in piu' cassette e trasportato a Mosca, in aereo, nell'estate del 1945. A bordo vi erano anche numerose opere, invano nascoste dai tedeschi nella torre Zenith dello Zoo di Berlino, fra cui dipinti degli impressioniosti francesi. Il tutto prelevato dall'Armata Rossa, su ordine di Stalin.

(Pal/As/Adnkronos)