''COMBAT FILM'': GLI STORICI ''SCANDALIZZATI'' (2)
''COMBAT FILM'': GLI STORICI ''SCANDALIZZATI'' (2)

(Adnkronos) - Il giornalista storico Antonio Spinosa, autore di numerosi bestseller sul regime fascista, ha trovato ''scorretto'' il modo in cui e' stato organizzato il dibattito: ''Non si e' consentito a Tina Anselmi di replicare adeguatamente all'esaltazione che Giano Accame ha fatto del fascismo. Ma questo e' solo una delle tante osservazioni che si possono fare sul programma che, comunque, non e' stato curato in modo approfondito dal punto di vista storico, per cui sono emerse numerose e marchiane inesattezze. Per ovviare a questi errori era sufficiente rivolgersi ad un grande storico, come ad esempio a Renzo De Felice''. Spinosa non ha escluso che si possa parlare di ''manipolazione'' nel modo in cui e' stata presentata la successione dei filmati: ''E' scorretto accostare a piazzale Loreto la pietosa visitazione dei parenti delle vittime della strage delle Fosse Ardeatine. Escludo, tuttavia, un intento di polemica politica da parte dei curatori''.

Un altro giornalista storico, Silvio Bertoldi, critica la scelta dei tre commentatori invitati in studio: Piero Fassino, Tina Anselmi e Giano Accame. ''Ho avuto la netta sensazione che questi personaggi siano stati invitati perche' non sapevano chi altro far intervenire'', commenta Bertoldi, per il quale era senz'altro meglio ''in assenza di testimoni dei fatti chiamare tre storici di grande spessore''. Quanto alle immagini di piazzale Loreto, osserva che dagli studiosi erano gia' ampiamente conosciute. ''Non mi sembra che siano emerse particolari novita' da questi filmati inediti pubblicizzati con grande clamore'', concorda Luciano Garibaldi, autore di numerose pubblicazioni sulla Repubblica di Salo'.

(Pam-Gdd/Pan/Adnkronos)