GOVERNO: SPERONI E MARONI - ''NON INCONTREREMO IL PDS'' (2)
GOVERNO: SPERONI E MARONI - ''NON INCONTREREMO IL PDS'' (2)
BERLUSCONI? PURCHE' SIA PREMIER FEDERALISTA...

(Adnkronos) - Quanto agli incontri col Pds preannunciati da Franco Rocchetta, Maroni e' categorico: ''forse lo vedra' lui, non e' nella nostra agenda. Non e' previsto neanche un incontro con Segni''. In programma per lunedi prossimo, invece, un contatto con Pannella e con gli esponenti del Ccd. A rasserenare il clima ha contribuito il faccia a faccia tra i leader del Carroccio e Gianfranco Fini. ''Finalmente -sottolinea Speroni- siamo riuciti a convincere una forza che appariva erede di un vecchio centralismo a parlare di federalismo, questo e' positivo. Non abbiamo convinto Fini al federalismo, lo abbiamo convinto a parlarne, mi sembra che sia gia' un bel passo avanti''. L'interruzione alle trattative per la formazione del nuovo governo ''non e' venuta da noi ne' da Fini. Lo stallo, si sa, viene da Berlusconi''.

A proposito del nuovo premier, il capogruppo uscente al Senato sottolinea che ''il nome lo decide Scalfaro, su questo ha ragione Berlusconi''. Prima di pensare al governo ''ci sono ancora delle scadenze: dobbiamo eleggere i presidenti di Camera e Senato, poi Ciampi si deve dimettere, poi ci saranno le consultazioni. A quel punto si vedra' chi potra' essere presidente del Consiglio. Se fosse scelto Berlusconi, valuteremmo questa indicazione''.

La cosiddetta 'staffetta' proposta dalla Lega ''e' una proposta che sottolinea la nostra pregiudiziale, il federalismo. Per realizzare il progetto della Lega, di fronte alla riluttanza di Berlusconi -aggiunge Maroni- e' indispensabile avere un premier convinto federalista''. Tuttavia, ''quello che e' accaduto oggi pone delle novita'. Ogni giorno ne succede una, oggi fortunatamente e' positiva. A noi interessa che domani non solo la Lega ma anche Alleanza Nazionale ponga la questione del federalismo come punto fondamentale del prossimo governo. Se poi si realizzi con un premier federalista o con Berlusconi, l'importante e' che non sia solo la Lega a porre la questione''.

(Mac/Zn/Adnkronos)