POLO DELLE LIBERTA: TATARELLA, ''SIAMO IN PURGATORIO'' (2)
POLO DELLE LIBERTA: TATARELLA, ''SIAMO IN PURGATORIO'' (2)

(Adnkronos) - ''Del resto -afferma Tatarella- i veri problemi da discutere sono quelli relativi alle questioni costituzionali. Quando si affronteranno questi temi pero' il discorso a mio giudizio dovra' essere allargato e coinvolere tutti i gruppi parlamentari. Insomma avere il massimo di apertura e il massimo del consenso. Tra i temi da discutere quello dell'elezione diretta del capo dello Stato o del premier o del cancellierato. Sono temi molto importanti che vanno affrontati e discussi in Parlamento.

Ci sono gia' indicazioni per le presidenze delle Camere? ''Di queste questioni cominceremo a parlarne lunedi' prossimo ed e' gia' previsto un incontro con Maroni. C'e' da decidere se deve prevalere il discorso della omogneita' delle maggioranze oppure se far valere la maggioranza in uno dei rami del Parlamento e non nell'altro. Oppure coinvolgere tutti i gruppi parlamentari per le presidenze della Camera e del Senato. Insomma di queste vicende cominceremo a discuterne la settimana prossima. Per esempio ho letto che nel quadro di una presidenza ad un esponente non della maggioranza per il Senato si e' fatto il nome di Spadolini. Potrebbe essere una strada percorribile. Ma ripeto e' tutto da verificare''.

Ma come vede Alleanza nazionale questa eventuale apertura di Bossi nei confronti di D'Alema? ''Non so se ci sia questa apertura. Bisognerebbe chiederlo a Bossi quello che posso dire io e' che i colloqui di cui leggo tra Bossi e D'Alema e le telefonate di D'Alema a Bossi dividono la sinistra e ne fanno un arcipelago di rissosi. Non so se questo sia il disegno di Bossi Pero' ricordo che Cristoforo Colombo parti' non per scoprire l'America''.

(Gug/Pan/Adnkronos)