PREVIDENZA: GIUGNI - LA STRADA E' GIUSTA ORA TOCCA AD ALTRI (2)
PREVIDENZA: GIUGNI - LA STRADA E' GIUSTA ORA TOCCA AD ALTRI (2)

(Adnkronos) - Giugni punta il dito soprattutto sul riordino degli enti previdenziali definendo le decisioni del governo un patteggiamento. ''La privatizzazione -dice- e' stata un'operazione prevalentemente politica, determinata dall'allarme del cosiddetto esproprio del 25 per cento del flusso di cassa di questi enti. In queste condizioni o si fanno operazioni di autorita', o si accetta il patteggiamento: noi abbiamo accettato quest'ultima condizione, con l'obiettivo di far concilicare due differenti punti di vista. Crediamo possa funzionare; rimane un interrogativo: in futuro saranno capaci di mantenre l'equilibrio o ci sara' la possibilita' che questi enti riversino il passivo nelle casse dello Stato?''.

Il ministro ha posto anche l'accento sulla questione della pensione integrativa e sulle intenzioni del futuro governo in materia di previdenza. ''Si' ai fondi pensione -sostiene- per farli decollare occorrono misure che nuetralizzino l'impatto fiscale, non condivido pero' certe affermazioni di incredibile semplicismo che puntano a fare delle assicurazioni i cardini della previdenza. Se fosse cosi' facile perche' allora e' nata la protezione sociale? E quale assicurazione si prenderebbe la cura di seguire un vecchio malato e pieno di problemi?''. (segue)

(Cre/Pe/Adnkronos)