HAITI: SENATORI RIBELLI ELEGGONO PRESIDENTE
HAITI: SENATORI RIBELLI ELEGGONO PRESIDENTE

Port-au-Prince, 11 apr. (Adnkronos/Dpa)- Un gruppo di senatori filogolpisti la cui elezione viene considerata illegittima dalle Nazioni Unite ha eletto nuovo ''presidente'' di Haiti il presidente della Corte Suprema di Port-au-Prince, Emile Jonassaint. Se la nomina dovesse essere approvata anche dalla Camera, Jonassaint diventerebbe il terzo capo dello Stato ''de facto'' di Haiti dal rovesciamento del presidente Jean-Bertrand Aristide il 30 settembre 1991 ad opera della giunta militare guidata dal capo dell'Esercito haitiano, il generale Raoul Cedras. La Camera ha gia' annullato la presidenza di Aristide, ex salesiano divenuto nel dicembre 1990 il primo capo dello Stato eletto democraticamente nei due secoli di storia indipendente di Haiti. ''E' ora di finirla con questa storia e di andare avanti'', ha dichiarato il senatore Bernard Sansaricq, uomo legato ad una giunta resasi responsabile in meno della morte di 5.000 oppositori.

A favore di Aristide si sono schierate negli Stati Uniti le organizzazioni per la difesa dei diritti umani ''Humas rights watch Americas'' e ''National coalition per haitian refugees'', che hanno presentato a Washington un rapporto nel quale si accusa il presidente Bill Clinton di aver ''trascurato i diritti umani fondamentali nel tentativo di risolvere politicamente la crisi haitiana'' e nel respingere le migliaia di ''boat-people'' haitiani diretti negli Stati Uniti. Il rapporto chiede la testa dell'inviato americano a Port-au-Prince, Lawrence Pezzullo, accusato di avere fatto troppe concessioni alla giunta Cedras. La scorsa settimana, Aristide aveva denunciato dal suo esilio a New York l'accordo americano-haitiano del 1991 che consente a Washington di rimpatriare i profughi haitiani.

(Lun/Bb/Adnkronos)