SOMALIA: AUGELLI E LOI - TUTTI GLI ERRORI DELL'ONU
SOMALIA: AUGELLI E LOI - TUTTI GLI ERRORI DELL'ONU

Roma, 11 apr. (Adnkronos) - Inadeguata, mal coordinata a livello di comando Onu, incerta nell'obiettivo da raggiungere. Sotto le lenti impietose di chi l'ha condotta in prima persona - dal generale Bruno Loi all'ambasciatore Enrico Augelli - la missione multinazionale delle Nazioni Unite in Somalia rivela tutti i suoi difetti d'origine e le degenerazioni che hanno spesso trasformato l'impegno umanitario italiano in una vera e propria operazione militare con episodi di guerra. Nella spedizione appena conclusa per l'Italia Augelli vede ''una sconfitta per la comunita' internazionale. Per quanto legittimo, l'uso della forza -ha detto nel corso del convegno ''Somalia: che fare'' svoltosi nella sede italiana del Parlamento Europeo- non e' stato esercitato a dovere e non si e' coordinato un dosaggio accettabile tra negoziato politico, intervento militare e aiuto umanitario''.

Riferendosi senza nominarlo all'Amm. Jonathan Howe, il responsabile politico di Unosom ma con il quale gli italiani ingaggiarono uno strenuo braccio di ferro, Augelli si e' augurato '' ''che le Nazioni Unite si dotino per le missioni umanitarie di un responsabile politico in grado di gestire le crisi. Non basta un semplice ammiraglio. L'Italia avrebbe potuto dare un contributo ancora maggiore se le nostre tesi fossero state prese in considerazione''. (segue)

(Mac/Pe/Adnkronos)