YEMEN: SONO DI NUOVO DUE, SALTA LA TREGUA (2)
YEMEN: SONO DI NUOVO DUE, SALTA LA TREGUA (2)

(Adnkronos/Dpa) - Saleh ha comunque giurato di continuare la guerra ''fino alla vittoria'', a meno che al Beidh non si consegni entro 72 ore ''alla piu' vicina stazione di polizia''. E i sudyemeniti -secondo i quali le truppe di Sanaa avrebbero perso 72mila uomini tra morti e feriti dall'inizio della guerra hanno subito voluto fugare i timori sollevati tra i Paesi arabi moderati dalla eventualita' della ricostituzione del regime marxista dell'ex Yemen del Sud.

Il Partito socialista yemenita (Ysp) di al Beidh ed i cinque partiti alleati hanno infatti dichiarato l'Islam religione di Stato della ''Repubblica democratica'' con capitale Aden e dichiarato che ''il nuovo Stato fara' parte della nazione araba ed islamica'', sara' impostato sui principi della democrazia e del pluralismo politico ed avra' come obiettivo ''la ricostituzione dell'unita' yemenita''. I sudyemeniti hanno anche riaffermato la loro adesione ai principi del ''Documento di impegno e riconciliazione'', il naufragato accordo interyemenita mediato lo scorso 20 febbraio ad Amman da re Hussein di Giordania che prevedeva una serie di riforme politiche, militari, economiche ed amministrative ed un decentramento dei poteri di Sanaa.

(Lun/Pan/Adnkronos)