CLINTON: LA LETTERA DI BOSSI, MI DISPIACE MA NON POSSO
CLINTON: LA LETTERA DI BOSSI, MI DISPIACE MA NON POSSO
(RIF. N. 291)

Roma, 2 giu. (Adnkronos) - Umberto Bossi mette nero su bianco le ragioni della sua assenza alla cena di gala offerta stasera dal presidente del Consiglio Silvio Berlusconi in onore del presidente degli Stati Uniti Bill Clinton. Il leader della Lega si dichiara ''molto spiacente'', ma e' trattenuto nel Veneto ''da precedenti ed indifferibili impegni politici''.

''La Lega -afferma Bossi- sara' ottimamente rappresentata dal suo massimo rappresentante istituzionale, il vice presidente del consiglio e ministro dell'Interno Roberto Maroni. Quanto a me -prosegue- dal Veneto dove sono trattenuto da precedenti ed indifferibili impegni politici, porgo al presidente Clinton e al popolo americano che egli rappresenta il piu' caloroso saluto mio e della Lega, un movimento che si riconosce negli ideali di federalismo e di liberta' che hanno fatto grandi gli Stati Uniti d'America''.

(Pol/Gs/Adnkronos)