MAFIA: DELITTO TERRANOVA, NUOVI ELEMENTI
MAFIA: DELITTO TERRANOVA, NUOVI ELEMENTI
LA VEDOVA DEL GIUDICE, SPERO IN RIPRESA INDAGINI

Palermo, 2 giu. (Adnkronos) - ''Spero tanto che i nuovi elementi in mano della Guardia di Finanza possano permettere alla magistratura di riprendere le indagini sull'assassinio di mio marito, un delitto di cui nessuno piu' parla, neppure i pentiti che da qualche tempo sembrano aver ritrovato la memoria su molti episodi oscuri''. Chi parla cosi' e' Giovanna Giaconia, vedova del giudice Cesare Terranova, ucciso all'eta' di 57 anni il 25 settembre 1979 a Palermo, insieme al maresciallo di polizia Lenin Mancuso, da due killer mai identificati.

Sul delitto impunito dell'ex deputato eletto come indipendente nelle liste del Pci si sta seguendo infatti una nuova pista: nel corso di una vasta operazione antidroga a Milano le Fiamme Gialle hanno rintracciato una mitragliatrice modello MG 42 avvolta in un giornale di quindici anni fa che riportava la cronaca dell'omicidio del giudice, che era stato anche componente dell'Antimafia. (segue)

(Pam/Pan/Adnkronos)