VIMINALE: GASPARRI SU SERVIZI, PENTITI E SCORTE
VIMINALE: GASPARRI SU SERVIZI, PENTITI E SCORTE

Roma 2 giu - (Adnkronos)- La riforma dei servizi, basata su un forte coordinamento centrale, la separazione tra chi protegge i pentiti e chi li interroga, il ''disboscamento'' delle scorte per i politici della prima repubblica. Questi i temi principali di cui si occupera' il Ministero dell'Interno nelle prossime settimane, preannunciati dal Sottosegretario all'Interno, Maurizio Gasparri, in un'intervista all'Adnkronos.

SERVIZI ''Condivido -ha detto il vice di Maroni- l'impostazione data dal Ministro dell'Interno sul tema: meglio fare bene che fare subito. E' una materia cosi' delicata che va studiata in maniera responsabile e non affrettata. Ieri il Governo ha cominciato ad affrontare il problema. Credo che tendenzialmente si possa pensare che due servizi siano sempre necessari: uno per il profilo estero, l'altro per il profilo interno. Va rafforzata la funzione di coordinamento. Per questo occorre razionalizzare e potenziare la struttura gia' preposta a questo compito: il Cesis. Insomma, l'assetto normativo che gia' esiste potrebbe funzionare bene: un servizio militare finalizzato sulla sicurezza esterna del Paese ed un servizio di sicurezza interna, che pero' e' quello piu' aperto alle degenerazioni. Se verra' esaltata la funzione di coordinamento di queste due strutture, verra' automaticamente meno il problema di unificarle. Non sono in grado di dire quanto occorrera' per varare un progetto di revisione della normativa sui servizi. Non bisogna dimenticare che la prima emergenza che il governo si trova ad affrontare e' quella economica. Non so, quindi se la riforma sara' varata in una settimana o in dieci giorni. Sicuramente e' una priorita. Purtroppo il governo ha decine di priorita'...''. (segue)

(Rao/Zn/Adnkronos)