SANITA': BONI (FIMMG) - MEGLIO 2.500 LIRE A PEZZO
SANITA': BONI (FIMMG) - MEGLIO 2.500 LIRE A PEZZO
(RIF. N.142)

Roma, 29 giu. (Adnkronos) - Soddisfatti i medici di famiglia per le decisioni del consiglio dei Ministri di ridurre la quota fissa per ricette contenenti un solo pezzo, da 5000 a 3000 lire. ''Con questa soluzione che avevamo piu' volte richiesto - ha spiegato il segretario nazionale Mario Boni all'Adnkronos - non c'e' piu' quella mentalita' da parte del paziente che, pagando 5 mila lire, prende due pezzi o un pezzo di una cosa che in questo momento magari non gli serve molto ma un domani chissa'''.

''L'unico fatto errato e' che la quota a pezzo sarebbe dovuta essere di 2.500 - dice Boni - perche' adesso il paziente sa che bene o male un pezzo costa 3 mila e due 5 mila con una tentazione ancora di prendere un altro pezzo con sole duemila lire di differenza. Riduce le tentazioni ma abbassando ancora un po' sarrebbe stato piu' efficace''.

(Ria/Gs/Adnkronos)