ITALIANI NEL MONDO: IL DEBUTTO AL CGIE DI BERLINGUER
ITALIANI NEL MONDO: IL DEBUTTO AL CGIE DI BERLINGUER

Roma, 1 lug. (Adnkronos)- Impasse superata, dopo le polemiche dei giorni scorsi. Il neo-ministro degli Italiani nel mondo, Sergio Berlinguer ha fatto oggi il suo debutto all'assemblea del Cgie, il parlamentino dei nostri connazionali all'estero, pur non avendo ancora ricevuto dal governo le direttive per mettersi al lavoro. E lo ha fatto illustrando ai delegati il suo disegno di legge per rendere operativo il dicastero che dovra' dirigere, disegno di legge che ha gia' provveduto a far pervenire al presidente del Consiglio, affinche' sia discusso dal consiglio dei Ministri.

''Il dipartimento -ha detto Berlinguer, rivolgendosi ai delegati riuniti nella sala conferenze internazionali della Farnesina- che avra' sede presso il ministero degli Esteri dovra' configurarsi come un centro di 'riferimento unitario ed esclusivo' con un'ampia serie di deleghe. E dovra' innanzitutto curarsi di garantire l'effettivita' dell'esercizio dei diritti degli italiani nel mondo, del loro benessere culturale ed economico, del loro compiuto inserimento nei paesi esteri, con particolare riguardo al profilo dell'occupazione, del legame con la madrepatria dei cittadini e dei naturalizzati, anche attraverso una idonea politica dell'informazione''.

Il ministro, ha inoltre spiegato Berlinguer, si avvarra' per l'esercizio delle proprie funzioni in via esclusiva della direzione generale dell'Emigrazione e degli affari sociali del Mae, ad eccezione dell' ufficio X, che assumera' la denominazione di direzione generale per gli Italiani nel mondo. (segue)

(Iac/Bb/Adnkronos)