PDS: D'ALEMA, ADESSO DAVVERO NON SIAMO PIU' IL PCI (2)
PDS: D'ALEMA, ADESSO DAVVERO NON SIAMO PIU' IL PCI (2)

(Adnkronos) - Di D'Alema si e' detto e scritto spesso che e' freddo, un uomo di ghiaccio. Ma questa volta anche lui si e' commosso. Il nuovo segretario ha insistito sulla necessita' che Veltroni abbia un ruolo di primissimo piano nel gruppo dirigente: ''Walter -ha detto- avra' un posto del tutto speciale anche per la grande civilta' e la forza con cui ha accettato un ruolo cui, lo so bene, non pensava e non teneva. Ed ha accettato di giocare questa partita perche' e' stato investito da una responsabilita' che veniva da migliaia di compagne e compagni. Ma quel che e' successo qui, ieri e oggi, ci consente di andare avanti senza ferite e senza rancore''.

''Ora -ha proseguito D'Alema- faremo un congresso in tempi rapidi. E sara' il luogo delle decisioni politiche e anche delle verifiche. Siamo in una democrazia del mandato e non esistono i segretari a vita. Per questo vi chiedo di non sentirvi vincolati al risultato di oggi. Il mandato puo' esser anche molto breve''.

E D'Alema ha definito anche il percorso che portera' al congresso: ''vi andremo -ha detto- in un dialogo con gli altri. La mia proposta e' una grande assemblea dei progressisti come primo momento dell'itinerario congressuale. Una assemblea che non coinvolga soltanto i soggetti politici ma molte altre forze della societa' civile. Poi, naturalmente, c'e' l'impegno quotidiano, la lotta politica, l'opposizione che dobbiamo fare con l'ispirazione che e' uscita, in modo univoco, da questo Consiglio nazionale''. (segue)

(Fer/Bb/Adnkronos)