ROCK: PIERO PELU' PERDE LA CAUSA
ROCK: PIERO PELU' PERDE LA CAUSA

Roma, 4 lug. (Adnkronos) - Piero Pelu', leader dei Litfiba, ha perso la causa contro la Cgd. Il pretore di Firenze ha, infatti, accolto in pieno la tesi della casa discografica, a conclusione di un procedimento promosso da Pelu' e dalla Iradea. Il cantante fiorentino aveva citato la casa fonografica chiedendo che venisse accertata l'inefficacia o l'invalidita' del contratto che lo riguardava come artista solista. Le argomentazioni di Pelu' non sono state accolte dal pretore Bazzoffi, che non solo ha respinto il ricorso ma, in accoglimento delle domande svolte in via riconvenzionale dalla Cgd, ha dichiarato il contratto in questione pienamente valido ed efficace, condannando il ricorrente al pagamento delle spese legali. ''Sulla base del contratto discografico -spiega un comunicato Cgd- di cui il pretore ha riconosciuto la validita', Pelu' dovrebbe registrare per conto della Cgd quattro album''.

''E' una questione di correttezza -spiegano alla Cgd-. Ed e' molto importante che il pretore abbia riconosciuto che i contratti valgano per tutti. Se un artista e' legato da un contratto con una casa discografica non sta ne' in cielo ne' in terra che non rispetti questo principio''. E la vicenda Pelu'-Cgd rischia di essere un altro sintomo di un malessere diffuso tra artisti e case discografiche, come sta a dimostrare la recente diatriba tra George Michael e la Sony in Inghilterra: ''E' probabile che questo malessere esista -spiegano alla Cgd- ma cio' accade perche' alcuni artisti pretendono cose assurde''. (segue)

(Mag/As/Adnkronos)