RAI: IPPOLITI SCRIVE A BAUDO SUI COMPENSI DELLE STAR
RAI: IPPOLITI SCRIVE A BAUDO SUI COMPENSI DELLE STAR

Roma 3 Ago (Adnkronos) - ''Gentilissimo dottor Giuseppe Baudo e p.c. al direttore generale della Rai Gianni Billia et consiglio di amministrazione''. E' l'intestazione, dichiaratamente surreale, di una lettera aperta di Gianni Ippoliti che invece nei contenuti e' seria: l'entertainer di Raitre vuole precisare che quanto si continua a dire a proposito di una Rai ''sprecona'', almeno per quanto lo riguarda, non risponde al vero. In altre parole un 'cachet', sottolinea Ippoliti, va giudicato in base alle prestazioni fatte.

''Carissimo Pippo -scrive Ippoliti nella lettera- visto il gran numero di programmi che farai nella prossima stagione, ritengo opportuno chiarire quanto da sei mesi si sta scrivendo sui costi dei 'volti' televisivi. La Corte dei Conti ha reso noti i compensi '92 per i collaboratori Rai, ma i giornali li hanno diffusi senza indicare quanto ogni 'super-pagato' senza un contratto di esclusiva abbia effettivamente lavorato. E cosi' il sottoscritto, che per quattro programmi e 120 trasmissioni come conduttore e unico autore ha percepito due anni fa 580 milioni, risulta ovviamente piu' 'caro' di chi per trenta puntate solo da conduttore ne ha intascati 520.

''Per tua tranquillita' ti anticipo quanto sara' reso noto nel 'listone' del '93: lo scorso anno per 16 puntate sempre come conduttore e unico autore ho percepito lordi 137 milioni e 165 mila lire. Con l'occasione ti abbraccio e ricordati degli amici''. Per la cronaca, nel '94 Ippoliti proseguira' la sua collaborazione con Raitre e Radiodue. Per la terza rete con tutta probabilita' continuera' a condurre ''Spazio Ippoliti'' e, in una collocazione ancora da definire, la sua ultima ''creatura'', cioe' l'inusuale rassegna stampa che ha condotto con successo nel corso del ''Processo ai mondiali'' in onda su Raitre.

(Val/As/Adnkronos)