M.O.: MONS. CAPUCCI, SCIOPERO DELLA FAME PR LA PALESTINA
M.O.: MONS. CAPUCCI, SCIOPERO DELLA FAME PR LA PALESTINA

Roma, 10 ago. (Adnkronos) - Monsignor Hilarion Capucci, esarca patriarcale dei greci melkiti di Gerusalemme, in esilio a Roma, ha iniziato oggi uno sciopero della fame di tre giorni assieme a 15 studenti palestinesi per sensibilizzare l'opinione pubblica e il governo italiano sulla necessita' di provvedere un maggior aiuto concreto all'autonomia palestinese.

''Mi sono deciso dopo aver udito il grido di Arafat, 'disperato' per le difficolta' economiche dell'autonomia, chi non mangia non sente ragioni e non puo' fare la pace -ha dichiarato in una conferenza stampa a Roma il religioso cattolico- da sempre strenuo difensore della causa palestinese.

E la scelta di oggi, come data di inizio dello sciopero della fame, non e' casuale: coincide infatti con l'incontro fra Rabin e Arafat sui problemi dell'autonomia palestinese.

Non e' soltanto il mancato arrivo degli aiuti finanziari promessi a mettere in pericolo la pace -ha dichiarato monsignor Capucci- bisogna amche risolvere il problema degli insediamenti ebraici nei territori occupati e la questione di Gerusalemme. E a questo proposito il religioso ha sostenuto che la capitale della Palestina dovrebbe essere la parte di Gerusalemme conquistata da Israele nel 1967, mentre nell'altra parte dovrebbe risiedere la capitale dello stato ebraico. Se cio' non fosse possibile, Gerusalemme dovrebbe diventare una citta' sotto controllo internazionale.

(Civ/Pan/Adnkronos)