TANGENTOPOLLI: CON DUE ELLE PER MINISTRO AGRICOLTURA
TANGENTOPOLLI: CON DUE ELLE PER MINISTRO AGRICOLTURA

Washington, 10 ago. (Adnkronos/Dpa)- Un nuovo scandalo attanaglia la Casa Bianca: dopo quello, famoso, del ''Whitewater'', che coinvolge il presidente statunitense Bill Clinton, e quello che ha toccato un alto funzionario del ministero del Tesoro, il ministro dell'Agricoltura, Mike Espy, e' rimasto vittima di ''tangentopolli'', calembour d'obbligo visto che e' accusato di aver ricevuto regali dai pollicultori.

Davanti ad un magistrato inquirente nominato da giudici federali su istanza del Procuratore generale, Janet Reno, Espy dovra' rispondere alle accuse di aver accettato ''regali illegali'', oltre che diverse centinaia di dollari, viaggi in aereo e stanze d'albergo dalla ''Tyson Foods Inc.'', un'industria di allevamento di polli dell'Arkansas. L'inchiesta del ''grande inquisitore'' si allarghera' anche al capo dello staff di Espy, Ronald Blackley, che nel marzo 1993 ordino' ad alcuni funzionari del dicastero di abbandonare il progetto per piu' rigorose ispezioni sanitarie all'azienda.

Ora, nonostante il ministro proclami la propria innocenza e la Casa Bianca, attraverso la parole della portavoce Dee Dee Meyers, gli rinnovi la propria fiducia, la ''tangentopolli'' e' gia' arrivata a lambire il presidente statunitense. Perche' il proprietario della ''Tyson'', Don Tyson, e' da lungo tempo sostenitore di Clinton, mentre l'avvocato esterno della compagnia, James B. Blair, con un mirabile ''kill'' borsistico fece guadagnare a Hillary Clinton, tra il 1978 e il 1980, centomila dollari, partendo da un capitale iniziale di soli mille dollari, altro episodio che ha fatto parlare a lungo la stampa americana e internazionale.

(Nap/Bb/Adnkronos)