CONTI PUBBLICI: DISAVANZO A 63.200 MLD NEI PRIMI 6 MESI 94
CONTI PUBBLICI: DISAVANZO A 63.200 MLD NEI PRIMI 6 MESI 94

Roma, 19 ago. (Adnkronos)- Buone notizie per i conti dello Stato. Nei primi mesi di quest'anno, il fabbisogno pubblico e' sceso a 63.200 miliardi, piu' di 5 mila miliardi in meno rispetto allo stesso periodo del 1993, quando si attesto' a 68.882 miliardi. La gestione di bilancio ha registrato, infatti, come emerge dal Conto riassuntivo del Tesoro e della Banca d'Italia al 30 giugno scorso, entrate finali per 235.472 miliardi di lire contro spese finali per 273.219 di lire con un saldo da finanziarie di 38.219 miliardi. A questo si aggiunge il saldo passivo di 24.981 miliardi determinato dalle operazioni della gestioni di tesoreria.

Per calcolare il disavanzo dei primi sei mesi dell'anno, come precisa il Ministero del Tesoro in una nota, si e' tenuto conto della trasformazione in Spa o in Enti Pubblici delle ex aziende autonome (Fs, Poste, Enas, Iritel), nonche' della costituzione dell'Inpdap.

Nei primi sei mesi dell'esercizio finanziario '94 le operazioni a medio-lungo termine sull'interno (accensione dei prestiti al netto dei rimborsi) sono ammontate a 82.634 miliardi di lire, le operazioni sull'estero hanno dato luogo a introiti netti per 5.172 miliardi di lire, mentre le altre operazioni di tesoreria hanno registrato un decremento di 24.606 miliardi di lire.

Una diminuzione, questa, dovuta al maggiore saldo attivo per il Tesoro sul conto disponibilita' presso la Banca d'Italia, ai sensi della legge 483/93, per 29.639 miliardi di lire (passato da 30.670 miliardi al 31 dicembre '93 a 60.309 miliardi al 30 giugno '94). (segue)

(Red/Bb/Adnkronos)