RAI: PROMETTE PIU' SPAZI AL GIOVANE CINEMA ITALIANO
RAI: PROMETTE PIU' SPAZI AL GIOVANE CINEMA ITALIANO
''IL TREND E' NEGATIVO, MA STIAMO RECUPERANDO''

Roma, 19 ago. (Adnkronos) - La Rai promette piu' spazi al giovane cinema italiano. Il trend negativo rilevato nei primi cinque mesi del '94 dai produttori puo' essere recuperato fino alla fine dell'anno. E il servizio pubblico si sta orientando in questo senso. L'ufficio legale di Viale Mazzini risponde cosi' a Gianni Massaro, presidente dell'Unione produttori, che il 1 agosto scorso aveva lanciato un ultimatum agli amministratori della Rai, ''colpevoli'' di aver trasmesso finora meno di un quinto della quota di film italiani prodotti negli ultimi cinque anni prevista dalla legge Mammi'.

Su un totale di 944 film, trasmessi dalle tre reti Rai da gennaio a maggio, solo 9, infatti, erano film italiani dell'ultimo quinquennio, contro i 49 previsti per legge. A Viale Mazzini gli avvocati replicano: questo calcolo, per legge, deve essere fatto sul totale del tempo dedicato ogni anno alla trasmissione di film, non nei primi cinque mesi.

Nella lettera di risposta la Rai chiede un incontro chiarificatore, ritenendo ''per ora'' la contestazione dei produttori ''solo ammonitrice ed indicativa di un trend negativo'' recuperabile nei prossimi mesi. Infatti, fanno notare all'ufficio legale, ''negli ultimi mesi la Rai ha ridato particolare vigore alla politica di acquisizione di nuovi film italiani, assicurandosi un numero elevato di prodotti recenti o di imminente realizzazione, molti dei quali rappresentano i titoli piu' significativi della cinematografia italiana, come testimoniato dalla folta presenza Rai alle piu' importanti rassegne internazionali''.

I legali inoltre lamentano la differenza tra i rilevamenti dell'Unione produttori e quelli della Rai, dai quali risulta invece una programmazione su base annua ''sostanzialmente in linea con le indicazioni di legge''.

(Stg/As/Adnkronos)