USURA: OSSERVATORE ROMANO - QUEI SUICIDI SONO OMICIDI
USURA: OSSERVATORE ROMANO - QUEI SUICIDI SONO OMICIDI

Roma, 30 ago. (Adnkronos) - Per l'Osservatore Romano i suicidi causati dall'usura, ''nell'atmosfera cupa e rovinosa in cui maturano'', potrebbero configurarsi come ''veri e propri omicidi''. All'indomani dell'ennesima tragedia provocata dalla piaga dei cravattari, il quotidiano della Santa Sede in un articolo che sara' pubblicato domani, denuncia che il fenomeno ''sta dilagando nel Paese come una malattia, e qualcuno lo ha definito il piu' odioso dei crimini''.

''I suoi meccanismi perversi schiacciano le vittime - si legge ancora - le appiattiscono, le costringono ad una dimensione simile a quella della schiavitu': una sorta di anticamera della morte, ove sembra non trovare piu' alcuno spazio la linfa indispensabile alla pienezza della vita umana: la speranza. A eusto livello non si tratta piu' e neppure prevalentemetne, di una mera questione di denaro: subentrano l'umiliazione e la frustrazione, un senso di impotenza e vergogna, la terribile sensazione di trovarsi soli, in un tunnel senza uscita. In tutti i suoi aspetti piu' o meno occulti l'usura potrebbe quasi definirsi l'esatto contrario della solidarieta'''.

(Red/Pan/Adnkronos)