DROGA: MARCIA DELLA COCA, INTERVIENE L'ESERCITO
DROGA: MARCIA DELLA COCA, INTERVIENE L'ESERCITO

La Paz, 30 ago. (Adnkronos/Dpa) - L'esercito boliviano e' intervenuto oggi con elicotteri e gas lacrimogeni per disperdere la marcia per ''La vita, la dignita' e la coca'' organizzata dai campesinos boliviani che producono questa droga, i ''cocaleros''. La dimostrazione doveva svolgersi lungo i 500 chilometri compresi tra la localita' di partenza, Villa Tunari, nella regione del Chapare (dichiarata oggi zona militare) e La Paz. La marcia e' stata organizzata malgrado nei giorni scorsi il governo (all'insegna dello slogan ''Dialogo si', coca no'') avesse ripetutamente annunciato l'intenzione di impedirla. Per rinunciarvi i dimostranti avevano posto come condizione il ritiro della Polizia dalla regione del Chapare: una richiesta inaccettabile per le autorita', tenuto conto che l'80 per cento circa della droga prodotta nella zona viene destinata al narcotraffico.

L'azione dell'esercito e' scattata dopo che i dimostranti (tra i trecento ed i tremila, a seconda delle fonti) avevano percorso appena otto chilometri. Un'ora dopo l'intervento degli elicotteri, tra i trecento ed i seicento uomini in uniforme hanno raggiunto il luogo in cui i campesinos erano stati fermati, procedendo all'arresto di una cinquantina di persone tra dirigenti e attivisti presenti. (segue)

(Cin/As/Adnkronos)