CANGURI: DUE MILIONI AMMAZZATI SU ''ORDINE'' DEL GOVERNO (2)
CANGURI: DUE MILIONI AMMAZZATI SU ''ORDINE'' DEL GOVERNO (2)

(Adnkronos) -

Piu' numerosi dei topi.

''Il canguro rosso e' in Australia cio' che il dromedario e' nel Sahara'', afferma uno studioso zoologo dell'Universita' di New South Wales per controbattere alle accuse degli agricoltori. Il ricercatore ha, infatti, provato che l'umidita' contenuta nel nutrimento dei canguri e' sufficiente a dissetarli, che essi sono addirittura capaci di riciclare la propria urina in modo da trattenere acqua nel corpo e, che, in caso di disidratazione, riescono a modificare il sistema vascolare senza danneggiare il cuore.

Inoltre, il loro lento metabolismo riesce a preservarli dal calore e, quando questo e' troppo intenso, si leccano gli avanbracci per rinfrescarsi o scavano nella sabbia per distendersi al fresco. Ma, nulla di tutto cio' preserva i canguri dalla campagna di sterminio attuata nei loro confronti, anzi i massacri, ogni anno, si ripetono e si intensificano. Gli agricoltori locali incoraggiano sempre piu' i cacciatori di canguri e sempre piu' spesso li assoldano per queste 'missioni di morte', nella speranza che la situazione, nelle loro terre, migliori.

E se un tempo, le carcasse delle vittime venivano lasciate, dopo esser state scuoiate, a decomporsi, oggi, vengono sfruttate per fini commerciali. Gli 'shooters' si guadagnano la vita rivendendo la pelle dei canguri alle concerie e la loro carne alle industrie produttrici di cibo per cani. Il cuoio ricavato e' di alta qualita', morbido e resistente, ottimo per le esportazioni. L'Italia e la Germania ne acquistano per farne scarpe da jogging, sellini per biciclette e pelletterie in genere. Puntualmente, pero', su questo genere di commercio regna assoluto silenzio, i luoghi di provenienza delle pelli vengono accuratamente taciuti. (segue)

(Ata/Gs/Adnkronos)