DI PIETRO: FERRI, IL GOVERNO AMATO CERCO' IL DIALOGO COL POOL
DI PIETRO: FERRI, IL GOVERNO AMATO CERCO' IL DIALOGO COL POOL

Roma, 5 set. (Adnkronos) - Gia' qualche anno fa il presidente del Consiglio dell'epoca, Giuliano Amato ebbe un contatto con il pool milanese per uno scambio di idee, ma ''le forze politiche del tempo si tirarono indietro e non seppero dare una risposta istituzionale''. Lo rivela il segretario del Psdi, Enrico Ferri, ex magistrato, che fu delegato da Amato ad avviare i contatti con i magistrati milanesi.

''E' stato -ha aggiunto Ferri- un grave errore politico ed oggi e' essenziale che si apra questa nuova strada per la democrazia, accompagnata da quella di un raccordo istituzionale tra i poteri tradizionali e quelli cosiddetti di fatto che siano ovviamente leciti, come la stampa''.

Secondo Ferri, inoltre, ''Antonio Di Pietro e, con lui, il pool di Mani Pulite, proponendo all'attenzione del mondo politico una proposta di regole su Tangentopoli che nasce da una forte esperienza di lavoro e sulla quale, ovviamente, c'e' da riflettere, ha dato, a prescindere dal contenuto che personalmente nelle sue linee fondamentali condivido, un segnale importante e significativo. Un rapporto che deve essere definito da una riforma del Csm che prevede espressamente un piu' forte raccordo istituzionale tra Parlamento, Governo e magistratura con possibilita' di pareri, anche obbligatori, da richiedere alla magistratura sulle questioni piu' rilevanti emerse nell'esercizio della funzione giurisdizionale''.

(Red/Pan/Adnkronos)