DI PIETRO: LETTERA APERTA PANNELLA A VELTRONI E SERRA
DI PIETRO: LETTERA APERTA PANNELLA A VELTRONI E SERRA

Roma, 5 set. - (Adnkronos) - ''Se un procuratore della Repubblica, fra gli oltre 100 che esistono, ha il diritto di convocare i suoi sostituti per proporre leggi con loro, lo stesso diritto puo' essere esercitato da tutta la categoria? Gradirei risposta''. Si conclude cosi' la lettera aperta che Marco Pannella ha scritto al direttore de ''l'Unita''' Walter Veltroni ''il kennediano'' e al padre fondatore di 'Cuore' Michele Serra, in risposta agli 'insulti' da lui ricevuti dal ministro Maroni e da Luciano Violante riguardo alla proposta Di Pietro, ''in uno dei numerosi duetti nei quali si cimentano sia il festival dell'Unita' sia quello di Cuore''.

''Vi sono stupidita' -replica fra l'altro Pannella- alle quali non rinuncero' mai e che costituiscono anche la incommensurabile distanza fra noi e loro: i loro interventi sono ascoltati da un migliaio di persone o da un paio di migliaia, se va bene. Noi ci facciamo carico di farle ascoltare da centinaia di migliaia. E siamo i soli ad essere esclusi, tranne che per gli insulti, sia da Cl, sia dal Pds, sia dal grande 'Cuore' di Serra, dal diritto di manifestare le nostre opinioni e dai dialoghi che ingaggiano''. La lettera aperta e' inviata, per conoscenza, anche ad Ezio Mauro ed Alessandro Galante Garrone.

(Red/Zn/Adnkronos)