DI PIETRO: SELVA (AN) - ''E ORA LA PAROLA AL PARLAMENTO''
DI PIETRO: SELVA (AN) - ''E ORA LA PAROLA AL PARLAMENTO''

Roma, 5 set. (Adnkronos) - ''Ora che il pm Antonio Di Pietro ha disegnato l'autostrada per uscire da Tangentopoli (con condanne esemplari dei colpevoli e restituzione di ogni dignita' agli innocenti) e' necessario che, per gli strumenti legislativi atti a moralizzare e rendere trasparente il rapporto tra imprese e politica, il dibattito e le decisioni siano affidati al Parlamento, unico sovrano del potere di legiferare. Bisogna tendere a prevenire, piu' che a reprimere, le 'Tangentopoli''.

Lo ha dichiarato il Presidente della Commissione Affari Costituzionali della Camera, Gustavo Selva. ''Pertanto -ha aggiunto Selva- mi attivero' perche' un'ampia indagine conoscitiva, sollecitata anche in questi giorni dall'on. Luciano Violante, sui punti deboli dell'Amministrazione pubblica italiana sia aperta subito dalla Commissione che io presiedo. Fra i primi ad essere ascoltati sara' sicuramente Di Pietro. Vorrei inoltre invitare anche i magistrati inquirenti di regioni come l'Emilia-Romagna e la Toscana, dove la 'azione ambientale' sembra giudiziariamente inesistente, a vedere quali sono stati gli intrecci tra imprenditori. cooperative e amministratori di sinistra''.

''Penso anche all'Irpinia- ha detto ancora Selva- dove non credo che tutto il marcio dell'affarismo politico-tangentizio sia venuto alla luce. Basta leggere, negli atti parlamentari, la relazione, che a suo tempo fu redatta dall'attuale Presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro, sui punti molto oscuri della ricostruzione (in parte tuttora mancante) dopo il terremoto del 1980''.

(Red/Gs/Adnkronos)