ROCCHETTA: FARASSINO, NO A CORRENTI
ROCCHETTA: FARASSINO, NO A CORRENTI

Milano, 5 set. (Adnkronos) - ''Stiamo valutando la posizione di Rochetta, dopo che ieri sono fallite tutte le ipotesi di mediazione. C'e' da rammaricarsi per la testardaggine di un militante che lavora nella Lega da otto anni e che non vuole spiegare le sue posizioni al Consiglio federale''. Lo ha affermato Gipo Farassino, segretario della Lega Piemonte, uscendo dal Consiglio federale della lega nord in corso a Milano.

Il Consiglio sta valutando la posizione del presidente della Lega nord che nei giorni scorsi aveva polemizzato duramente con Umberto Bossi minacciando di uscire dal Carroccio. Non e' escluso che al termine della riunione odiena possano essere proposta provvedimenti disciplinari a carico dello stesso Rocchetta. ''Non capiamo cosa Rocchetta voglia fare -ha aggiunto Farassino- certo non possiamo accettare che nascano delle correnti, la Lega non e' la Dc''.

''Siamo abituati alle polemiche, la Lega ha sempre camminato in salita, ma il clima del Consiglio federale e' sereno. La posizione di Bossi -ha aggiunto l'eurodeputato leghista- non e' in discussione, non lo e' neanche la sua popolarita', basti vedere com'e' stato accolto ieri a Venezia''. Dopo Farassino e' uscito dal Consiglio federale il senatore Tabladini, capogruppo al Senato, che ha confermato l'ipotesi che Rocchetta possa subire dei provvedimenti anche drastici.

(Dra/Pan/Adnkronos)