CALCIO: ''CASO'' RAVENNA - FEDERCALCIO (2)
CALCIO: ''CASO'' RAVENNA - FEDERCALCIO (2)
SPETTANO ALLA FIGC ED ALLA LEGA I CALENDARI

(Adnkronos) - La Federazione Italiana Gioco Calcio ha ritenuto corretto ed opportuno, continua la nota, non comunicare nemmeno informalmente il contenuto del provvedimento adottato e depositato dal Giudice di Roma, a norma dell'art. 700 C.p.C. prima della decisione del reclamo proposto al Collegio del Tribunale di Ravenna. Cio' al fine di non esercitare influenze o condizionamenti e quindi di consentire alla magistratura la decisione piu' conforme al suo convincimento. Anche l'esigenza di consentire lo svolgimento delle giornate di Campionato lasciando spazio esclusivamente alle ragioni dello sport ha consigliato alla Federazione di dare notizia del contenuto del provvedimento della magistratura romana in data odierna.

Con provvedimento depositato in data 3 settembre il Giudice designato Giuseppe Pititto ha affermato che: ''spetta alla Figc e per essa alla Lega Nazionale professionisti la formazione dei calendari delle competizioni ufficiali di serie ''B'' per la stagione 1994-95 ed ha ordinato che ad esso ''devono attenersi tutte le societa' iscritte''. La decisione del Giudice puntualizza che spetta sempre alla Federazione e alla Lega Calcio, secondo la disciplina contenuta nelle carte federali, ''alla fine, formare il calendario efficace, per intendersi, erga omnes'', anche quando si sia in presenza di una pluralita' di provvedimenti o di situazioni da tenere in considerazione poiche' il calendario al quale tutte le squadre devono attenersi'' sara' pur sempre e comunque ''in base all'ordinamento vigente, l'unica associazione abilitata ad organizzare il gioco del calcio nel territorio nazionale''.

(Flo/Gs/Adnkronos)