LEONCAVALLO: IL QUESTORE REPLICA AGLI AUTONOMI
LEONCAVALLO: IL QUESTORE REPLICA AGLI AUTONOMI

Roma, 12 set. (Adnkronos) - il questore di Milano, Marcello Carnimeo proprio non ci sta ad essere considerato l'iniziatore dei disordini di sabato e risponde punto su punto alle dichiarazioni degli autonomi di questa mattina: ''sono in malafede, hanno deliberatamente provocato gli incidenti, e tentano maldestramente di trovare qualche giustificante. Dalle riprese degli elicotteri abbiamo le registrazioni di come sono iniziati gli incidenti e di come i manifestanti abbiano aggredito a freddo le forze dell'ordine''.

Il questore, che ha mostrato alcune immagini dell'inizio degli scontri ai giornalisti ammette pero' che un vice ispettore abbia estratto la pistola durante gli scontri: ''si trovava in via montebello, vicino al consolato americano, e c'erano per terra tre agenti feriti alle gambe e isolati, per questo il vice ispettore ha estratto la pistola e ha intimato ad altri ragazzi di non avvicinarsi. Si tratta evidentemente di legittima difesa''.

Carnimeo ha poi voluto chiarire che durante gli scontri sono stati colpiti anche dei giornalisti e non e' stato fatto, ''ovviamente'', deliberatamente: ''sono cose che possono succedere in quei momenti, se delle persone vestite casual, sensa distintivi capitano in mezzo ad una carica ci possono essere delle lesioni. Penso che bisognera' trovare un modo affinche' i giornalisti si possano distinguere dalle altre persone''. Il questore ha ribadito, confortato dalle immagini, che non c'e' stata una camionetta dei carabinieri che ha avanzato in via turati contro i manifestanti, ''anzi la camionetta indietreggia ha affermato il questore. Ci sono molti testimoni che lo possono affermare. Anche un funzionario della squadra mobile e' stato picchiato in via Turati''. (Segue)

(Dra/Bb/Adnkronos)