DISSIDENTI: APPELLO PER SALVARE LA 'PENSEE' RUSSE'
DISSIDENTI: APPELLO PER SALVARE LA 'PENSEE' RUSSE'
ELENA BONNER E P. LARDO LANCIANO SOTTOSCRIZIONE

Roma, 14 set. (Adnkronos) - Appello in favore della ''Pensee Russe'', la nota rivista che per anni e' stata il punto di riferimento dei dissidenti sovietici. Diretta dalla scrittrice Irina Alberti, ''Russkaya Mysl'', che dal 1947 raccoglie il fior fiore dell'intellighenzia russa, si trova infatti in una difficile situazione economica. Per salvare l'organo di stampa fondato nel 1947 a Parigi sono scesi in campo vari circoli ecclesiastici, numerosi dissidenti, tra cui anche Elena Bonner e Gleb Jakunin, e l'Aiuto alla Chiesa che Soffre, la struttura fondata da padre Lardo per i paesi dell'Est. Padre Lardo, al secolo Verenfried Van Straten, amico personale dell'Alberti, ha lanciato alcune settimane fa un appello ai suoi benefattori (circa 600 mila in tutto il mondo) per trovare un milione di dollari entro la fine dell'anno.

L'organo dell'emigrazione russa che in passato ha pubblicato scritti di intellettuali del calibro di Sacharov e Aleksander Solzhenitsyn, sta attraversando una grave crisi finanziaria a causa del deprezzamento del rublo. Gli introiti di ''Russkaya Mysl'', che dal 1991 e' diffusa soprattutto nell'ex Unione Sovietica, ''sono insignificanti rispetto le spese da sostenere - dicono all'Aiuto alla Chiesa che Soffre. Se l'Occidente non continuera' ad aiutare questa storica rivista si rischia di vederla scomparire. Proprio quanto Russkaya Mysl e' divenuta un organo di collegamento informativo tra Occidente e Oriente straordinariamente utile''.

(Gia/Pan/Adnkronos)