GERMANIA: NEGO' L'OLOCAUSTO, NON SI PRESENTA AL PROCESSO
GERMANIA: NEGO' L'OLOCAUSTO, NON SI PRESENTA AL PROCESSO

Mannheim, 14 set. (Adnkronos/Dpa)- Fred. A. Leuchter, il cittadino statunitense che, in un incontro di neonazisti nel novembre del '91 nego' l'Olocausto, non si e' presentato oggi al processo intentato contro di lui da una Corte di giustizia tedesca per incitamento all'odio razziale. Leuchter, in carcere per quattro settimane lo scorso anno in custodia cautelare, poi liberato dietro pagamento di una cauzione di ventimila marchi (circa venti milioni di lire) e nuovamente ricercato con un nuovo mandato di cattura, aveva affermato, definendosi un esperto in esecuzioni capitali, che ad Auschwitz era tecnicamente impossibile uccidere milioni di ebrei come asseriscono storici e testimoni sopravvissuti.

Secondo il codice penale tedesco, la negazione dell'Olocausto equivale al reato di incitamento all'odio razziale, e con questa accusa Leuchter fu arrestato nell'ottobre dello scorso anno, riuscendo pero' a tornare negli Stati Uniti non appena liberato su cauzione. Il presidente della corte, il giudice Manfred John, del tribunale statale di Mannheim, ha dichiarato che il procedimento penale non verra' avviato in assenza dell'imputato.

(Stg/Bb/Adnkronos)