ITALIA: NEL MIRINO DI FIDELITY, PRIMO FONDO AMERICANO (2)
ITALIA: NEL MIRINO DI FIDELITY, PRIMO FONDO AMERICANO (2)

(Adnkronos) - Il concetto di fondo, ha spiegato Kelly, e' che la Fidelity sta studiando un mercato che, vista la posizione della lira e lo stato dell'economia italiana, ''e' probabilmente sottovalutato'', per cui l'Italia e' oggi un investimento ''a buon mercato'' sulla carta, anche se i tassi sono ancora troppo alti.

Secondo Anderson e Kelly, che si aspettano una prestazione ''molto forte'' dall'economia italiana, in particolare per le esportazioni, la politica economica fin qui delineata e' molto positiva, e le attese sono ora per un suo consolidamento e l'attuazione pratica di misure sulla spesa strutturale (a cominciare dalle pensioni) e di un'ulteriore liberalizzazione del mercato del lavoro. I provvedimenti sulla scala mobile dei governi precedenti sono stati un ''passo molto importante'' ''ma ci sono ancora restrizioni molto significative che richiedono riforme''. Per concludere, Fidelity guarda ad un'ulteriore ''politica monetaria non inflazionistica che stimoli l'afflusso di capitali'' e ad una decisa politica di privatizzazione sia come fonte di finanziamento che come sistema per la riduzione dei costi: ''La chiave e' la politica fiscale. Stanno facendo un buon lavoro e abbiamo molta fiducia: quel che serve ora e' il consolidamento di questa politica''.

(Cab/Bb/Adnkronos)