RUSSIA: SALE LA STELLA LEBED IL GENERALE ANTI-ELTSIN
RUSSIA: SALE LA STELLA LEBED IL GENERALE ANTI-ELTSIN

Mosca, 14 set. - (Adnkronos) - (Nostro servizio particolare) - C'e' un uomo in uniforme, con le stellette, lungo la strada di Boris Eltsin, pronto a sfidarlo alla prima occasione propizia? Sono in molti a chiederselo nella capitale russa, osservando la rapida e irresistibile ascesa di Alexander Lebed, il generale comandante della quattordicesima Armata di stanza a Tiraspol, nella piccola repubblica del Trans Dnestr, in Moldavia. Quarantaquattro anni, alto, ben piazzato, fama di ''duro'', ostile a qualsiasi concessione, Lebed e' diventato un simbolo in questa ''enclave'' dove difende strenuamente, con ogni mezzo, i diritti della minoranza russa.

I suoi commilitoni lo dipingono in termini entusiastici. ''E' intelligente come Eltsin ed e' forte come Schwarzenegger'', dicono i piu' fidati collaboratori al quartier-generale paragonando il loro capo a Suvorov o Kutuzov, due dei piu' famosi ''leaders'' militari zaristi. Ma la popolarita' di Lebed non e' limitata a quella sperduta repubblica caucasica nella quale egli mostra ad amici e nemici le sue arti marziali. L'eco e' giunta a Mosca e ovviamente nelle stanze del Cremlino hanno raddrizzato le antenne, anche perche' qualche tempo fa lo stesso Lebed si e' esibito in un'intervista-fiume in cui ha affermato che la Russia avrebbe bisogno di un Pinochet per uscire dalla crisi e ha descritto l'attuale presidente Eltsin come una specie di ''minus habens''.

I vertici militari del ministero della Difesa, su ordine di ''Boris il terribile'', hanno tentato di reagire. Hanno convocato Lebed a rapporto, cercando di convincerlo a lasciare l'incarico per poi trasferirlo in qualche lontano acquartieramento siberiano. Ma non c'e' stato nulla da fare. Il generale non ha sentito ragioni. Non solo: ma la sua posizione si e' notevolmente rafforzata, quando, pochi giorni fa, un sondaggio del quotidiano ''Nezavisimaya Gazeta'' ha rivelato che egli figura in ottima posizione tra i cento personaggi piu' popolari di tutta la repubblica russa. (segue)

(Mab/Zn/Adnkronos)