SLOVACCHIA: PRIVATIZZAZIONI, IL GOVERNO SI SPACCA
SLOVACCHIA: PRIVATIZZAZIONI, IL GOVERNO SI SPACCA

Bratislava, 14 set. (Adnkronos/Dpa) - Solo due settimane prima delle elezioni del nuovo parlamento, la coalizione di governo slovacco e' ancora divisa sulle privatizzazioni. Il conservatore Movimento cristiano democratico (KDH), uno dei componenti della coalizione, ha sollevato obiezioni al programma del governo, che prevede per il 20 settembre prossimo una sessione parlamentare per approvare la vendita diretta di proprieta' statali. Ivan Simko, vice premier responsbile della legislazione e membro del partito conservatore ha spiegato all'agenzia di notizie tedesca Dpa che la coalizione era nata a patto che non fosse approvata alcuna legge per privatizzazioni nell'ultimo mese prima delle elezioni, in modo da evitare ogni parvenza di incostituzionalita'.

La coalizione dei partiti liberali, per bocca dell'attuale primo ministro Jozef Moravcik, invece giustifica l'urgenza con cui e' stata messa all'ordine del giorno la privatizzazione di alcune tra le piu' impotanti aziende statali, quali la fabbrica di birra Zlaty Bazant a Hurbanovo e quella di cemento Ladce, con il fatto che l'accordo in materia e' arrivato in ritardo rispetto ai tempi originali. Lo stesso premier ha negato che il problema possa mettere a repentaglio l'accordo nella coalizione.

(Stg/Zn/Adnkronos)