STRAGE: OTTO MORTI A PECHINO, COMPRESO DIPLOMATICO (2)
STRAGE: OTTO MORTI A PECHINO, COMPRESO DIPLOMATICO (2)

(Adnkronos) - La tragedia, ha precisato l'agenzia di stampa cinese ''Xinhua'', e' avvenuta sulla strada Yabao, nella parte orientale di Pechino, non lontano da una zona residenziale dove abitano diplomatici e altri stranieri. Testimoni oculari hanno riferito che lo sconosciuto, definito uno squilibrato mentale, ha tentato prima di bloccare un taxi, per poi iniziare a sparare con un fucile automatico da un cavalcavia del secondo anello stradale della capitale. Secondo le prime ricostruzioni della polizia l'assassino sarebbe un funzionario della polizia paramilitare che dopo aver avuto una lite con i suoi superiori nel distretto di Tongxian, e' fuggito a bordo di un'auto seguito dalle forze di sicurezza. Questo spiegherebbe perche' lo squilibrato avesse con se' un gran numero di munizioni.

Yussuf Mohamadi, il diplomatico iraniano che stava accompagando i suoi quattro figli a scuola, e suo figlio di otto anni sono stati uccisi mentre con l'auto stavano passando proprio sotto il cavalcavia: il figlio maggiore e' rimasto ferito mentre le altre due figlie sono fuggite e finora non sono state ancora trovate. Il portavoce dell'ambasciata iraniana a Pechino ha negato che l'attacco potesse essere diretto proprio contro Yussuf Mohamadi, descritto come un consigliere politico.

(Giz/Gs/Adnkronos)