ISCO: SI ARRESTA IL CALO DELL'OCCUPAZIONE
ISCO: SI ARRESTA IL CALO DELL'OCCUPAZIONE

Roma, 22 set. - (Adnkronos) - La recessione sembra finita in tutti i maggiori Paesi europei, compresa l'Italia. I dati congiunturali dell'Isco fanno prevedere un rafforzamento della tendenza alla crescita nei prossimi mesi, ''a condizione che efficaci misure di aggiustamento fiscale riportino la fiducia sui mercati finanziari e rendano possibile una nuova fase di discesa dei tassi''.

I segnali positivi della ripresa si sono riflessi anche sul fronte occupazionale. Nella prima meta' dell'anno infatti sembra essersi interrotta la perdita di posti di lavoro. Ad aprile c'e' stato un aumento degli occupati dello 0,4 pc, dovuto piu' che altro ai normali effetti stagionali che comunque, dopo due anni di continua caduta dell'occupazione, sembrano segnalare un significativo cambiamento di tendenza. Nella grande industria e' continuato il calo occupazionale nei primi tre mesi dell'anno, ma ad un ritmo molto blando dello 0,1 pc, a cui pero' fa riscontro una significativa crescita dello ore lavorate per dipendente (+2,4 pc) nei primi cinque mesi, e una contemporanea riduzione del ricorso alla Cig (-22,4 pc). (segue)

(Red/Pe/Adnkronos)