REGIONI: PREOCCUPAZIONE PER FUTURO FONDI STRUTTURALI EUROPEI
REGIONI: PREOCCUPAZIONE PER FUTURO FONDI STRUTTURALI EUROPEI

Firenze, 22 set. - (Adnkronos) - C'e' preoccupazione tra le regioni europee sul futuro dei fondi strutturali. Toscana per l'Italia Saarland (Germania), Groningen-drenthe (Olanda) Catalogna (Spagna), Languedoc-Roussillon (Francia), Strathclyde (Regno Unito), Fiandre (Belgio) riunite a Firenze per due giorni in un convegno promosso dalla Regione Toscana, faranno il punto sulle decisioni adottate a Corfu' dai governi della Comunita Europea ed hanno stilato un documento per delineare ''la linea strategica di potenziamento delle politiche regionali attivate con i fondi strutturali''.

''Quella di Corfu' ha spiegato nel corso di una conferenza stampa il presidente della Regione Toscana Vannino Chiti- e' una scelta importante e capace di sviluppare le relazioni tra i paesi membri ma non dispone di tutte le risorse necesarie. Di conseguenza le risorse andranno in questa direzione e cio' potra' determinare la compressione di altre linee di politica economica europea''. Le regioni infatti -nel documento- ''ribadiscono che gli interventi svolti fino ad oggi e programmati per il futuro sulle aree a declino industriale e su quelle rurali, costituiscono un sostegno decisivo per lo sviluppo locale e per impedire che una parte rilevante dell'europa scivoli irrimediabilmente nelle condizioni di arretratezza. Per evitare un aumento delle disparita' locali le regioni ritengono indispensabile che l'Unione Europea confermi la validita' degli interventi di politica regionale nelle aree industrializzate e degli interventi di politica regionale nelle aree industrializzate e rurali, dando certezza di prospettive in termini di risorse''.

Nel corso del convegno al quale e' intervenuto anche il sottosegretario al lavoro Carmelo Porcu, si e' parlato anche della necessita' di una ''maggiore cooperazione regionale nella gestione dei fondi''. Il prossimo appuntamento e' per il 6 e 7 ottobre sempre a Firenze quando si riunira' l'ufficio di presidenza delle regioni d'Europa.

(Afi/Zn/Adnkronos)