FMI: BANCA MONDIALE, ''SIAMO TROPPO VECCHI''
FMI: BANCA MONDIALE, ''SIAMO TROPPO VECCHI''

(embargo fino alle ore 21:00 del 3 ottobre)

Washington, 3 ott. -(Adnkronos/Dpa)- Il numero degli anziani cresce costantemente in tutto il mondo, mettendo a dura prova la capacita' dei singoli governi di garantire adeguata assistenza e lasciando prefigurare una minaccia imminente alla crescita e allo sviluppo economico del pianeta. L'allarme e' stato lanciato dalla Banca mondiale in un rapporto intitolato ''Prevenire la crisi dell'anzianita''. La minaccia prevista dagli esperti della Banca Mondiale e' alimentata soprattutto da due fattori: il tramonto delle famiglie numerose sotto la pressione dell'urbanizzazione e le difficolta' finanziarie dei sistemi pensionistici posti di fronte alla necessita' di provvedere ad un numero sempre maggiore di pensionati. ''Il mondo si trova a dover fronteggiare un'imminente crisi di vecchiaia'' avverte Michael Bruno, economista dell'istituto, ''le aspettative di vita crescenti e il calo della fertilita'-fattori benvenuti perche' indice di sviluppo- significano pero' che la popolazione sta invecchiando molto rapidamente, soprattutto nei paesi occidentali''.

Per verificare la situazione basta dare un'occhiata ai dati contenuti nel rapporto: nel 1990, erano sopra i sessant'anni di eta' 500 milioni di persone in tutto il mondo, pari al nove per cento del totale della popolazione; nel 2030 questo numero sara' aumentato di quasi tre volte, per arrivare a 1,4 miliardi. La crisi colpira' probabilmente i paesi dell'America Latina e dell'Est europeo, dove ad un numero relativamente alto di anziani fa riscontro un sistema pensionistico ormai al collasso. Ma i paesi industrializzati non ne saranno immuni: in Austria, Germania, Italia e Finlandia circa il terzo della spesa pubblica va gia' alle pensioni, mentre in Svezia, Gran Bretagna e Stati Uniti e' un quarto. La sfida potra' essere particolarmente difficile anche per le societa' in via di sviluppo dell'Asia orientale: in Cina per esempio, dove molte famiglie nei centri urbani, a causa della politica demografica del figlio unico promossa in questi anni, saranno costituite da due genitori pensionati mantenuti da un solo adulto in eta' lavorativa. Tra le vie indicate dalla banca mondiale per far fronte alla situazione figurano l'incoraggiamento del risparmio privato del lavoratore da destinare all'eta' della pensione e la privatizzazione dei fondi di investimento.

(Stg/Zn/Adnkronos)