CRIMEA: PARLAMENTO DESTITUISCE MESHKOV
CRIMEA: PARLAMENTO DESTITUISCE MESHKOV

Kiev, 29 set. (Adnkronos/Dpa) - La ''guerra istituzionale'' di Crimea si arricchisce di un nuovo episodio: il Parlamento di Simferopol, con 68 voti a favore e 14 contrari, ha approvato la destituzione di Yuri Meshkov, presidente della piccola Repubblica autonoma, colpevole a sua volta di aver sciolto l'Assemblea l'11 settembre scorso. Ma qualche giorno fa questo provvedimento era stato annullato dallo stesso Meshkov.

Il conflitto tra le due piu' alte cariche dello Stato ha permesso all'Ucraina -del cui territorio la Crimea fa parte- di riprendere il controllo della penisola, dopo che dall'inizio dell'anno Simferopol e Meshkov non facevano mistero delle loro simpatie verso la Russia. A causa della crisi -provocata occasionalmente dalle divergenze in materia di privatizzazioni- era caduta anche la testa del primo ministro Yevgueni Zaburov.

(Nap/Gs/Adnkronos)