BOSSI: IL GOVERNO DURA? DIPENDE DALLE SCELTE CHE FA...
BOSSI: IL GOVERNO DURA? DIPENDE DALLE SCELTE CHE FA...
''BERLUSCONI FEDERALISTA SOLO NELLE BARZELLETTE'' -

Roma, 29 Set. (Adnkronos)- La finanziaria? ''E' forte, rigorosa ed equa. Soprattutto per merito della Lega, che ha posto limiti invalicabili ed impedito che forze all'interno del governo facessero scelte sbagliate per il paese a danno dei ceti piu' deboli''. La Lega votera' la fiducia se il governo dovesse porla? ''Certo, perche' non dovremmo farlo, visto che siamo stati determinanti?'' Umberto Bossi dice si' alla finanziaria nel suo complesso. Ma poi annuncia subito che il Carroccio intende presentare emendamenti su aspetti importanti della manovra: pensioni ('no' ad accelerare la crescita dell'eta' per la pensione di vecchiaia, 'no' ad abbassare all'1,75 il tasso unico di rendimento nel '96), tagli alla difesa (''molte aziende rischiano la crisi'') e ticket sul pronto soccorso in caso di mancato ricovero. Un 'no' alla manovra? ''Macche', sassolini di fronte a una montagna'' minimizza Bossi.

''Non e' una contro-conferenza stampa'', esordisce il leader della Lega, di fronte ai giornalisti riuniti al gruppo del Carroccio a Montecitorio, numerosi quasi quanto quelli che ieri hanno assistito alla presentazione della prima finanziaria del governo Berlusconi. Poi spiega di aver consigliato, durante la riunione di maggioranza, di non fissare troppi vincoli economici per i prossimi anni (come la riduzione dei tassi di rendimento delle pensioni). ''Tra tre mesi, il ministro Speroni calera' la carta della Costituzione federalista sul piano politico e fiscale -afferma- Tutto cambiera' e recupereremo l' assistenzialismo occulto, a cominciare da milioni di false pensioni di invalidita'...''.

Il federalismo, appunto. Giancarlo Pagliarini da' a Bossi il destro per spiegare che ''nella maggioranza di federalista c'e' solo la Lega''. ''Berlusconi ieri ha detto che sta scrivendo un libro sul federalismo. Bene -dice il ministro del Bilancio- Ma ricordiamo che di federalismo hanno parlato per primi Bossi e la Lega. E speriamo che tutti gli altri siano sinceri...''. ''Berlusconi federalista? E' Una barzelletta -interrompe Bossi- Il ministro Pagliarini fa dell' ironia. A volte nella vita occorre mascherarsi per non farsi vedere, ma il federalismo e' una cosa molto seria e colpira' nel segno. Ognuno puo' farsi scrivere i libri che vuole. ma la verita' e' solo una: Berlusconi e' arrivato in politica per coprire i buchi della vecchia partitocrazia che la Lega aveva spazzato via''. (segue)

(Pnz/Bb/Adnkronos)