FINANZIARIA: BUTTIGLIONE, LA FIDUCIA? IN CAMBIO DELLA LUNA
FINANZIARIA: BUTTIGLIONE, LA FIDUCIA? IN CAMBIO DELLA LUNA

Roma, 29 Set. (Adnkronos) - Al Ppi la manovra del governo davvero non piace. ''Cosi' com'e', non e' una buona finanziaria'' ha sostenuto in una conferenza stampa il segretario Rocco Buttiglione che, oltre a preannunciare ''certamente emendamenti che introducano modifiche significative'', mette bene in chiaro che, qualora si giungesse al voto di fiducia, il Ppi resterebbe all'opposizione. ''Per votare la fiducia al governo - ride di gusto - Berlusconi dovrebbe darci la luna, o poco meno...''.

Al termine di un giro di incontri con le parti sociali, Buttiglione, insieme al presidente del Cn Giovanni Bianchi, al capogruppo al Senato Nicola Mancino e all'esperto sulle pensioni Nino Cristofori, traccia, se pure con diplomazia, un quadro piuttosto negativo. Soprattutto a proposito delle pensioni, della politica della famiglia e del trattamento riservato al Sud d'Italia. ''Noi chiediamo modifiche significative. Non so se il presidente del Consiglio le considerera' sostanziali. Comunque, dire che la finanziaria e' migliorabile, mi sembra gia' tanto da parte nostra. Non si puo' chiedere di piu'. Sara' il governo a decidere in piena autonomia se accogliere o meno le nostre modifiche e noi decideremo quindi, in altrettanta autonomia, come comportarci''.

Intanto Buttiglione non esclude ''azioni comuni'' con il resto delle opposizioni con le quali vede ''punti di sintonia''. ''Domenica vedro' D'Alema ad Avellino: non parleremo certo soltanto di massimi sistemi'' preannuncia. Cosi' come non esclude un incontro con Berlusconi. ''Potrebbe essere una buona idea'' commenta. Nella convinzione che ''la finanziaria e' quella che esce dal Parlamento, non quella che vi entra''. (segue)

(Cor/Bb/Adnkronos)