CANCRO: SUORE A RISCHIO, PRENDANO LA ''PILLOLA'' (3)
CANCRO: SUORE A RISCHIO, PRENDANO LA ''PILLOLA'' (3)

(Adnkronos) - Bisogna considerare che la sopravvivenza del cancro dell'endometrio, continua Pecorelli, e' dell'80 per cento nei migliori istituti e del 68 per cento in tutto il mondo e che dei 6 mila tumori dell'ovaio in Italia solo 2 mila sono trattati in maniera adeguata a causa della scarsita' delle strutture specializzate in ginecologia oncologica.

La relazione di Montreal sul cancro dell'ovaio e' stata tenuta dal prof. Francesco Di Re, direttore della Divisione di Ginecologia dell'Istituto Nazionale Tumori. ''Come nazione -ha detto Di Re- abbiamo affrontato il problema del cancro dell'ovaio prima di tutti gli altri, addirittura vent'anni fa ed oggi tutti ci danno merito di questo. La nostra chirurgia molto aggressiva unita ad una chemioterapia anche essa aggressiva e ad un secondo intervento ha portato ad una guarigione nei casi iniziali del 96 per cento, mentre questa percentuale precipita al 10 per cento nei casi avanzati. Siamo passati dal 10 al 35 per cento di sopravvivenza a cinque anni grazie a queste tecniche, mentre gli altri paesi hanno una sopravvivenza solo del 20 per cento. La nostra tecnica consiste nel seguire tutto il tumore ed eliminarlo senza dover tornarci sopra. Pure essendo ancora bassa l'incidenza di questo cancro esso e' in aumento in tutto il mondo. E quello che e' piu' importante e' che la sua mortalita' e' sempre piu' elevata''.

(Ria/Pe/Adnkronos)