I FATTI DEL GIORNO. 3/A EDIZIONE (2): L'ESTERO
I FATTI DEL GIORNO. 3/A EDIZIONE (2): L'ESTERO

Nuova Delhi. L'epidemia di peste che ha colpito l'India non si ferma, almeno per ora. I casi ufficialmente dichiarati nella sola capitale salgono ormai a trecento, ma si teme che la cifra reale possa essere piu' alta. Le ultime vittime del contagio vengono segnalate a Kanpur, nell'Uttar Pradesh, dove sono morti sette bambini e altri trenta sono ricoverati. A Goa si registrano intanto tre nuovi casi, mentre a Surat, epicentro dell'epidemia con 46 morti e 781 casi, sono state gia' distribuite 12 milioni di capsule di antibiotico. Nello Stato del Maharashtra, dove sono stati diagnosticati i primi casi di peste bubbonica, cento persone sono state gia' dimesse ed altre 450 sono ancora sotto trattamento. Nel Punjab ci sono pero' sei casi sospetti di peste, mentre nel Madya Pradesh si sono registrati oggi trenta nuovi casi e cento nello stato del Karnataka. Due nuovi casi sono stati diagnosticati anche nel Pondicherry, e tre nel Madurai.

Los Angeles. Colpo di scena nella vicenda di OJ Simpson. Il processo e' appena nella fase preliminare, con la scelta dei giurati, e Marcia Clark, la pubblica accusa, e' gia' a pezzi. Lo ha ammesso lei stessa in un'intervista esclamando fuori dai denti: ''Questo caso mi ha gia' rovinato la vita''. Scelta per la sua bravura e la sua interminabile serie di ''vittorie'' -non perde un caso di omicidio da cinque anni- Marcia Clark, 40 anni, assistente del procuratore distrettuale Gil Garcetti, ha spiegato ai giornalisti: ''Non posso andare a fare la spesa, non posso portare fuori i ragazzi. Ormai non esco piu'. La gente mi riconosce dappertutto''. La gente l'assilla perfino per chiederle l'autografo: ''E' un continuo. E do il mio autografo a tutti, anche se io per prima non so perche'''.

Port-au-Prince. Cresce la paura ad Haiti dopo gli scontri tra miliziani fedeli alla giunta militare e sostenitori del presidente Aristide. Mentre nella capitale e' stato saccheggiato un altro negozio sotto gli occhi della polizia, una delegazione del Congresso statunitense e' stata inviata nell'isola per redigere un rapporto sulla situazione. In riferimento agli episodi di violenza di ieri, il portavoce dell'ambasciata statunitense Stanley Schrager ha commentato: ''gli Stati Uniti non possono accettare passivamente l'uccisione di altre persone''.

Il Cairo. Gli agenti antiterrorismo egiziani hanno ucciso un estremista musulmano durante una sparatoria nella localita' di Badrashin, 30 chilometri a sud del Cairo. La vittima si chiamava Mansour al Fiqi ed era un noto rappresentante dei gruppi terroristici ricercati dalla polizia per vari attentati. Secondo informazioni delle forze di sicurezza, Al Fiqi, ritornato recentemente dall'Arabia Saudita e residente a Badrashin sotto falso nome, e' stato ucciso dopo aver aperto il fuoco sugli agenti inviati ad arrestarlo.

Madrid. Cinque persone sono morte ed altre quattro sono rimaste ferite quando l'elicottero sul quale viaggiavano e' precipitato nella Spagna nordorientale. Il velivolo, adibito allo spegnimento degli incendi boschivi e con a bordo personale russo, e' precipitato poco dopo il decollo dall'aeroporto di Daroca, nei pressi di Saragozza. Dalle prime informazioni sembra che a bordo si sia sviluppato un incendio. (segue)

(Dis/Bb/Adnkronos)