BLIND TRUST: BERLUSCONI, DICO SI' AL RIGORE DEI 'SAGGI'
BLIND TRUST: BERLUSCONI, DICO SI' AL RIGORE DEI 'SAGGI'
''PORTERO' A CDM PROPOSTA SENZA MODIFICHE''

Roma, 11 Ott. (Adnkronos)- Silvio Berlusconi accoglie in pieno la proposta dei tre 'saggi' antitrust sulla disciplina del conflitto di interessi. Malgrado vada ''al di la' delle piu' severe normative esistenti in altri paesi''. E annuncia, di fronte alla stampa estera che la fara' propria, presentandola ''senza modifiche'' al Consiglio dei ministri e trasmettendola al Parlamento, che ''e' sovrano e decidera' cosa fare. Speriamo -aggiunge soltanto il capo del governo- che decida bene...''.

La proposta dei 'saggi', dice il presidente del Consiglio, e' severa perche', ''nel caso di un imprenditore con interessi nell'informazione -spiega- stabilisce che quei mezzi d'informazione ''non possano svolgere attivita' troppo favorevoli al loro proprietario, per garantire la massima correttezza del contenuto informativo''. Ma, aggiunge, ''ritengo che questo rigore, in una situazione come quella presente, sia da parte mia accettabile. Per questo, portero' al Consiglio dei ministri l'articolato dei saggi e non credo sia opportuno da parte mia apportare modifiche che lo rendano meno severo verso chi possiede aziende''.

Stara' poi al Parlamento decidere cosa fare. ''Da parte mia -dice Berlusconi- ho gia' adempiuto a una legge che non c'era ancora. Mi sono spogliato di tutte le cariche, tranne che di quella in una societa' sportiva che non ha fini di lucro...''.

(Pnz/Pan/Adnkronos)