FINANZIARIA: CRITICA LA PASTORALE DEL LAVORO (CURIA MILANO) (2)
FINANZIARIA: CRITICA LA PASTORALE DEL LAVORO (CURIA MILANO) (2)

(Adnkronos) - ''L'iniquita' e l'ingiustizia- aggiunge la Pastorale del Lavoro- sono perpetrate nei confronti dei ceti meno abbienti, quelli colpti alla soglia della sopravvivenza, a sdispeto dia ltri appena scalfiti nel'area del superfluo''. Ancora maggiori le riserve espresse sul piano del metodo. ''Perche' -si chiede il documento- e' stata bruscamente interrotta la concertazione con le rappresentanze sociali che in questi anni aveva garantito notevoli successi economici e si e' invece preferito la rottura della pace sociale? Perche' si e' scelta la via di scaricare tutti i problemi sui tagli alle pensioni e al servizio sanitario anziche' cercarne la soluzione?''

Osservato che 'esistevano altre piste come suggeriscono insigni maestri della dottrina economica', la Pastorale del Lavoro da' poi atto dell'esigenza di riformare il sistema pensionistico e sanitario 'per evitarne il collasso e garantirne il servizio alle futire generazioni'. ''Ma le riforme- osserva- richiedono temni e modalita' che non possono essere stravolti: in questa materia non si puo' fare a meno della gradualita' e della partecipazione. Diversamente, come in questo caso, la manovra risulterebbe solo congiuntuale, senza prospettive progettuali e non conforme alle esigenze di una democrazia sostanziale''.

(Plu/Pan/Adnkronos)