U.E.: ANDREOTTI, LO ZOCCOLO DURO NON MI PREOCCUPA
U.E.: ANDREOTTI, LO ZOCCOLO DURO NON MI PREOCCUPA

Roma, 11 ott. (Adnkronos) - ''Sono intimamente convinto che la strada dell'Unione Europea mantenga tutto il suo valore e si caratterizzi, anzi, sempre di piu' come l'unica via per continuare a costruire un efficace sistema integrato di politica interna e internazionale, secondo la felice intuizione di grandi statisti del dopoguerra. Lo ''zoccolo duro'' che preoccupa qualcuno e', a mio giudizio, solo apparente''. E' quanto scrive Giulio Andreotti sul numero di ottobre della rivista ''30 Giorni'' da lui diretta.

''Non e' la prima volta che si hanno annunci ed anche parziali realizzazioni di intese bilaterali; ma i timori che ci si trovasse di fronte a forti moti centrifughi si sono puntualmente dissolti. Del resto -prosegue Andreotti- se andasse veramente in avaria il vincolo comunitario, non nascerebbero assi, ma ognuno dei Paesi sarebbe portato e costretto a fare affidamento sulle proprie forze, in competizione cruda ed anche selvaggia con tutti gli altri''.

Inoltre, a reagire contro il ciclico ritorno del modello a due velocita' -ha concluso il senatore a vita- e' intervenuto, nei giorni scorsi, un documento importante del Parlamento di Strasburgo, che ribadisce i pari diritti e doveri di tutte le componenti dell'Unione, che devono tendere a realizzare una convergenza reale''.

(Red/Gs/Adnkronos)